1

HR è il protagonista dell’era dei social


È interesse economico dell’azienda investire nell’aumento delle capacità digitali dei propri collaboratori. È di HR la responsabilità di disegnare i piani di crescita dell’organizzazione. A HR spetta definire i KPI di successo e il ROI degli investimenti in pianificazione social.

2

La qualità delle Reti è il vero Capitale


Ogni persona è un media e la sua capacità di influenzare il network è un asset per l’azienda. La qualità delle relazioni è la moneta di LinkedIn. LinkedIn è lo strumento chiave per curare, consolidare e moltiplicare questo Capitale.
3

Il marketing migliore è la voce della persona


Le aziende spendono ogni anno budget considerevoli per creare coinvolgimento con persone che non conoscono o provano legami affettivi col brand. Parte di quel budget sarebbe speso meglio dando voce e facilitando l’azione sui social delle persone che già sono coinvolte e provano legame affettivo col brand: i propri collaboratori.
4

Conquistare risultati è una questione di tempo


Abilitare le persone nelle organizzazioni a esprimere la propria voce sui social è un cambiamento che richiede azione, riflessione, pazienza. Non si costruisce in un giorno un ricco patrimonio di relazioni di qualità, credibilità e fiducia professionale su LinkedIn.
5

Più connessione tra aziende e mondo del lavoro


Azienda, istituzioni, università e giovani sono punti cardinali a volte distanti che possono trovare in LinkedIn un vero centro. È nostro interesse fare “educazione relazionale” di questi attori sull’uso di LinkedIn per la gestione di un Capitale di relazioni di qualità.