12
Feb

7 consigli pratici per far splendere la presentazione aziendale della tua pagina LinkedIn

Come far spiccare la presentazione aziendale della tua pagina LinkedIn seguendo 7 semplici consigli?

Se hai prestato attenzione ed hai seguito il nostro blog nelle ultime settimane, ricorderai sicuramente di aver letto un articolo dedicato proprio alle pagine aziendali LinkedIn, anzi, più precisamente agli elementi essenziali della company page.

Riprendiamo le fila del discorso concentrando l’attenzione sulla presentazione aziendale.

Sebbene si tratti di un elemento che dovrebbe essere scontato, soprattutto per chi si occupa del marketing, durante i percorsi di formazione alle aziende ci rendiamo conto che nella realtà dei fatti spesso viene messo in secondo piano.

L’abito non farà il monaco ma la prima impressione ti dà l’idea del tipo di persona che lo indossa, almeno di primo impatto. Questo fa dunque la differenza tra un approccio positivo o negativo nei suoi confronti.

Ora, chi vuoi rappresentare con la tua Pagina Azienda?
Qualcuno di anonimo, dalla presentazione piatta e senza alcuna attrattività, o, al contrario, una realtà solida, consolidata, interessante e attrattiva fin dalle prime righe di testo?

Vediamo allora come far splendere la presentazione aziendale della tua pagina LinkedIn!

1. Rispetta la SEO!

Ma come? La SEO non è quella cosa che mi serve per posizionare il sito web? Cosa c’entra con la pagina aziendale?

Ti stupirai nel sapere che Google indicizza anche le company page e, nello specifico, sulle serp di ricerca, mostra i primi 156 caratteri della descrizione della tua pagina all’utente che naviga sul web.

Per questo motivo devi essere incisivo e curare l’utilizzo delle parole chiave fin dalle prime righe del testo di presentazione!

Non solo su Google, ma anche all’interno di LinkedIn gli utenti possono effettuare delle ricerche tramite parole chiave: assicurati quindi che tutta la descrizione della company page sia adeguata e descriva il tuo business, i tuoi valori e la tua mission nel migliore dei modi.

2. Segui le buone regole del copywriting

Forse sai essere abbastanza incisivo con le parole, ma poi cadi sulla punteggiatura e sugli errori grammaticali.

Non c’è niente di peggio che impegnarsi tanto per scrivere una presentazione efficace e poi tralasciare gli errori ortografici per mancanza di voglia e del controllo finale pre-pubblicazione!

Inoltre, ricordati che gli utenti, generalmente, leggono solo l’inizio e la fine del testo che hanno davanti. Pertanto, preoccupati di curare il più possibile la parte iniziale e la Call To Action (o chiamata all’azione) finale, per portarlo a contattarti o a proseguire la visione della pagina.

3. Metti il pubblico al centro

Una buona presentazione mette sempre il lettore al centro del discorso: a chi ti stai rivolgendo? Conosci bene il tuo target ideale? Sai a chi stai parlando e a chi stai offrendo i tuoi servizi?

Anche in questo caso dovrebbe essere un punto scontato, nella realtà non lo è. Troppe volte leggiamo testi impersonali, che non elencano alcun beneficio o vantaggio per chi è il vero destinatario del testo.

Dobbiamo saper usare la pagina aziendale come uno strumento di conversione tanto quanto può essere la pagina Facebook o il sito internet: quale valore in più facciamo trasparire a chi ci legge?

4. Ricordati logo e foto di copertina!

LinkedIn permette di dare una personalizzazione grafica alla nostra pagina: possiamo includere il nostro logo ed un’immagine di copertina, le cui dimensioni devono essere di 1536×768 pixel.

È importante inserire il logo in quanto sarà l’elemento corporate che apparirà nei risultati di ricerca degli utenti e nel profilo dei colleghi di lavoro alla sezione Esperienze Lavorative.

La foto di copertina, invece, deve rispettare le dimensioni richieste da LinkedIn e deve potersi ricollegare, in maniera immediata, ai valori che fanno parte dell’azienda stessa.

5. Scegli la lingua in base al tuo pubblico

Ti rivolgi ad un pubblico internazionale? LinkedIn ti dà la possibilità di impostare la tua company page, e dunque la presentazione, in più di 20 lingue diverse! In questo modo, in base alle impostazioni del profilo della persona che visita la tua pagina, la presentazione sarà automaticamente mirata sulla lingua dell’utente.

Allo stesso modo, nella pubblicazione dei tuoi post, puoi scegliere se condividerli con differenti target di secondo geografia o la lingua.

6. Rendi chiaro cosa fai. MOLTO chiaro.

Fai sapere quali prodotti e servizi offri come azienda. Come abbiamo detto sopra, gli utenti tendono a leggere la parte iniziale e finale della tua presentazione. Nella parte centrale, quindi, puoi concentrarti sullo spiegare quali sono i servizi o prodotti principali del tuo business, puntando molto sui vantaggi e benefici che possono trarre i vostri potenziali clienti.

Mantieni alta l’attenzione dell’utente dando un reale motivo per cliccare su “Follow” o “Segui” in alto sulla destra. Ovviamente, questo va specificato solo nel caso in cui hai già lavorato sul calendario editoriale della pagina LinkedIn e sai che sarai in grado di dare contenuti di valore con costanza.

I tuoi aggiornamenti non saranno solo un catalogo di ciò che vendi ma, al contrario, avranno contenuti variabili a seconda degli appuntamenti ed eventi aziendali, delle novità normative legate al settore e dei contenuti più personali per un maggior intrattenimento degli utenti.

7. Differenziati

In ultimo, il nostro consiglio è di osare, rendersi diversi, senza omologarsi alle classiche presentazioni ufficiose che leggiamo costantemente sulle pagine aziendali.

Ricorda che tutti sono “leader di mercato”, tutti lavorano in modo professionale, tutti hanno personale eccellentemente qualificato.

Scopri le nuove strade della descrizione del tuo business, dagli un tocco originale e mostra che sai essere un’azienda meno noiosa e più coinvolgente di tante altre.

Questi sono i nostri 7 preziosi consigli per avere una presentazione aziendale d’effetto e unica!
Ora tocca a te metterli in pratica: controlla com’è la tua presentazione sulla pagina LinkedIn e cerca di capire se stai rispettando tutti questi punti!

Infine, se vuoi approfondire ulteriormente, puoi scaricare l’ebook “l’elemento mancante nella tua strategia di EB su LinkedIn”, compilando il form qui sotto.

 

1 Response

Leave a Reply

tre + venti =